• English (United Kingdom)
  • Italian - Italy
  • La Gemma di Sant’Elena è una preziosa country house che regala emozioni autentiche e naturali

  • profumi e sapori antichi della nostra memoria, mai dimenticati.

  • Il Casolare è composto da quattro appartamenti di diverse dimensioni, arredati secondo la tradizione e il calore delle vecchie case contadine italiane

  • La piscina terrazzata tra gli ulivi, l’area verde attrezzata, l’ invidiabile posizione rivolta sempre verso il sole e le meravigliose colline ricche di vigneti

  • La Gemma di Sant’Elena, circondata da ulivi e vigneti, offre un paesaggio di rara bellezza

  • Un palcoscenico naturale dove immergersi e farsi accarezzare dalle sensazioni di benessere e libertà

  • Ogni giorno puoi scegliere una spiaggia diversa a soli dieci minuti di macchina!

 
 
 
 

15May News

santelenaSCONTO 05

 
26March MORRO D'ALBA

Il borgo medioevale di Morro D'Alba risale intorno all'anno 1000, ma la campagna era già abitata in epoca romana.

Al momento del periodo longobardo, Morro D'Alba fu sede di un centro di amministrazione, responsabile per l'intero territorio circostante. In seguito divenne un importante punto di scambio e commercio. Il nome del villaggio di Morro deriva dal pre-romana parola "moro" o "Murr" che significa "origine" e indica una collina prominente, come gli altri paesi appartenenti a questa zona. Dal 1213, Morro si sviluppò come un castello e si unì all'area rurale di Jesi. Nel 1862, "d'Alba" è stato aggiunto all'antico nome originale.

Dentro e intorno al villaggio:

  • Una passeggiata lungo le mura (XIV secolo) offre un percorso unico, da dove si può ammirare sia splendidi paesaggi che la Villa Sant'Elena stessa . La passeggiata coperta è chiamata "La Scarpa", per via della sua forma (XVII secolo) ed è un importante punto di riferimento del borgo .
  • Il Museo Utensilia è una mostra unica sullo sviluppo della popolazione rurale e degli artigiani nella produzione di attrezzi agricoli e domestici.
  • La Chiesa St.Gaudenzio - Costruita nel XVIII secolo, ospita i dipinti di Silvio Galimberti e quindici tele ovali, che rappresentano i "Misteri del Rosario" (XVI-XVII secolo).
  • La Santa Chiesa Sacramento - Costruita nel XVII secolo, ospita una collezione di arredi sacri della Confraternita omonima dipinto di Bernabeo Francioni che rappresenta l '"Annunciazione".
 

Seguici su