• English (United Kingdom)
  • Italian - Italy
I dintorni
MORRO D'ALBA Stampa E-mail

Il borgo medioevale di Morro D'Alba risale intorno all'anno 1000, ma la campagna era già abitata in epoca romana.

Al momento del periodo longobardo, Morro D'Alba fu sede di un centro di amministrazione, responsabile per l'intero territorio circostante. In seguito divenne un importante punto di scambio e commercio. Il nome del villaggio di Morro deriva dal pre-romana parola "moro" o "Murr" che significa "origine" e indica una collina prominente, come gli altri paesi appartenenti a questa zona. Dal 1213, Morro si sviluppò come un castello e si unì all'area rurale di Jesi. Nel 1862, "d'Alba" è stato aggiunto all'antico nome originale.

Dentro e intorno al villaggio:

  • Una passeggiata lungo le mura (XIV secolo) offre un percorso unico, da dove si può ammirare sia splendidi paesaggi che la Villa Sant'Elena stessa . La passeggiata coperta è chiamata "La Scarpa", per via della sua forma (XVII secolo) ed è un importante punto di riferimento del borgo .
  • Il Museo Utensilia è una mostra unica sullo sviluppo della popolazione rurale e degli artigiani nella produzione di attrezzi agricoli e domestici.
  • La Chiesa St.Gaudenzio - Costruita nel XVIII secolo, ospita i dipinti di Silvio Galimberti e quindici tele ovali, che rappresentano i "Misteri del Rosario" (XVI-XVII secolo).
  • La Santa Chiesa Sacramento - Costruita nel XVII secolo, ospita una collezione di arredi sacri della Confraternita omonima dipinto di Bernabeo Francioni che rappresenta l '"Annunciazione".
 
DA VISITARE Stampa E-mail

L'entroterra marchigiano ti sorprende per la ricchezza ed il fascino dei suoi paesaggi, dei suoi borghi medioevali, per il suo ricco patrimonio storico-artistico tutto da scoprire in itinerari tra verde e cultura che si snodano da Senigallia fino al confine con la Toscana.

URBINO

La città universitaria, gioiello del rinascimento, sorge in posizione elevata e bellissima, su due colli, al centro della vallata dei fiumi Foglia e Metauro. E' centro antichissimo e il suo Palazzo Ducale è creazione di tale purezza architettonica da non potersi paragonare con nessun'altra abitazione civile d'Italia. Le pitture ivi accolte sono di artisti famosi come il Raffaello e il Tiziano.

GRADARA

è famosa per la sua Rocca Malatestiana di Paolo e Francesca, che si erge su di un colle tra Marche e Romagna a soli 15 Km. da Pesaro. Turisti e studiosi vi si recano per rievocare il tempo antico, attardandosi nell'elegante cortile o nelle austere sale che conservano il periodo del feudalesimo italiano.

LORETO

situata in posizione panoramica su un colle in vista del mare, parzialmente cinta da mura e bastioni del '500. E' dominata dal celebre santuario della Santa Casa, uno tra i più famosi e venerati monumenti della cristianità, tra i più importanti in Italia. Città della fede e dell'arte.

RECANATI

patria di Giacomo Leopardi e di Beniamino Gigli, di numerosi artisti e scienziati, conserva monumenti, chiese, palazzi, pinacoteche, musei e biblioteche. E' centro nazionale di studi Leopardiani, offre manifestazioni artistiche, letterarie e musicali di grande risonanza.

SAN MARINO

è la più piccola e la più antica repubblica del mondo, ed è il più suggestivo balcone sulla Riviera Adriatica e sull'Appennino Romagnolo.

GROTTE DI FRASASSI

un suggestivo complesso speleologico, ricco di stalattiti e stalagmiti giganti, laghetti limpidi e giuochi di luce: queste sono le indescrivibili immagini che la natura trasmette al visitatore. Indimenticabile è la Grotta grande del Vento.

SAN LEO

Antichissima città del Montefeltro, a pochi chilometri dalla Repubblica di San Marino, è situata a 640 m. s.l.m. su un enorme masso roccioso. La principale attrattiva del centro è lo storico forte che si erge a strapiombo sull'abisso. Corona questo complesso storico ed artistico un panorama veramente unico per la varietà dei toni e la complessità dell'insieme.

GUBBIO

pittoresca e bellissima città medievale, conserva intatto il suo aspetto maschio e ferrigno e come nessun'altra il fascino dei secoli. Di grande interesse per il turista: il Palazzo Ducale, il Duomo, la Basilica di S. Ubaldo. Usi e costumi rivivono nella celebre "Corsa dei Ceri" e nel "Palio della Balestra" che hanno luogo ogni anno nel mese di Maggio.

ASSISI

situata a soli 40 Km. da Gubbio, città natale di S. Francesco, conserva l'aspetto molto caratteristico del Medioevo. Da visitare: la casa natale di S. Francesco, la sontuosa Basilica di Santa Maria degli Angeli, il carcere, il Monastero.

ANCONA

Ancona si presenta con lo splendore del Duomo di San Ciriaco e del colle Guasco: è veramente un panorama indimenticabile. La presenza di un attrezzato porto, aperto soprattutto verso l'oriente, permea questa città di un carattere ferrigno, sbrigativo, ma civile. Insieme all'aeroporto di Falconara, il porto è l'infrastruttura più notevole sul piano turistico della intera regione.

CORINALDO

Centro collinare situato tra due valli. Terra di produzione del Verdicchio. E' anche la patria nativa di Santa Maria Goretti. Monumenti: mura medievali; Chiesa dei Padri Cappuccini con tele del Ridolfi, Parrocchiale di S. Francesco.

ARCEVIA

ricca di verde e con la sua pineta forma il luogo ideale per passare una giornata diversa dalle altre. Monumenti: Collegiata di San Medardo (con opere di Luca Signorelli e Giovanni della Robbia); Palazzo comunale con parti dei sec. XIII e XIV.